WhatsApp si prepara ad aggiungere le reazioni ai messaggi
WhatsApp si prepara ad aggiungere le reazioni ai messaggi

Nel corso degli ultimi mesi sono numerose le novità arrivate su WhatsApp, a partire dalla connessione simultanea si più dispositivi.

Nelle ultime ore invece gli esperti di WABetaInfo segnalano una funzione che è attualmente in fase di test, già da qualche anno vista su Facebook ed Instagram.

Le reazioni ai messaggi sono finalmente realtà, permettendo di espandere la modalità di espressione via chat.

Uno strumento in più per far capire al nostro interlocutore, oppure al gruppo con cui ci stiamo interfacciando, i nostri sentimenti o la nostra preferenza riguardo ad un particolare messaggio.

Reazioni ai messaggi WhatsApp: finalmente realtà

Selezionando la scheda dedicata alle reazioni dei messaggi, ci troviamo di fronte ad una suddivisione per tipologia.

La prima scheda partendo da destra raccoglie il totale delle reazioni, subito dopo vi è la suddivisione per tipologia.

Inizialmente verranno messe a disposizione 6 diverse emoji, ma probabilmente verranno integrate altre possibilità nel corso del tempo.

Il funzionamento pare essere lo stesso di quello attualmente presente su post e commenti Facebook.

Non è ancora chiaro quando questa funzionalità peraltro attesa verrà finalmente rilasciata, si trova infatti ad una fase iniziale dei test.

Solo poche settimane fa è stata avvistata la stessa schermata su iPhone, mentre questa volta ad essere oggetto di attenzione è anche uno smartphone Android.

A questo punto è evidente che gli sviluppatori stanno seriamente pensando di integrare le reazioni su WhatsApp, anche se ciò richiederà attente valutazioni probabilmente da parte della società stessa.

Tale novità attualmente è opportunamente nascosta sul codice della versione 2.21.25.11, ma pensiamo che possa rapidamente apparire sul canale beta per gli utenti nei prossimi mesi.

Sicuramente saranno i possessori di iPhone i primi utenti a poter assegnare faccine e cuoricini ai singoli messaggi.

Le novità della nota piattaforma di messaggistica istantanea hanno infatti sempre fatto il debutto sui dispositivi della mela morsicata, per arrivare successivamente su Android.