I migliori smartwatch in commercio
I migliori smartwatch in commercio

Il mondo dei dispositivi indossabili è diventato ormai estremamente vasto, generando classifiche e preferenze per i migliori smartwatch esistenti fino ad oggi.

Sebbene i primi modelli sembrino ormai storia vecchia, ad oggi l’evoluzione ha portato questa categoria di dispositivi a differenziarsi sempre di più l’uno con l’altro.

I wearable coprono ormai un’enorme fetta di mercato rientrando tra i dispositivi elettronici più acquistati dai consumatori, dopo gli smartphone.

Che sia un orologio smart o un braccialetto fitness, infatti, è ormai raro che un utilizzatore di smartphone non abbia al polso uno di questi apparati.

La loro utilità ormai ricopre diverse tipologie: dal semplice lettore di notifiche, al rilevatore di attività cardiaca e non solo. Con le tecnologie moderne questi piccoli e sottili dispositivi racchiudono infatti al loro interno chip estremamente complessi che permettono di rendere più semplice e sicura la vita di tutti i giorni.

Questo è il motivo per cui ad oggi sono molti i consumatori che si chiedono quali siano i migliori smartwatch presenti sul mercato.

Selezione dei migliori smartwatch in commercio

E’ importante precisare che la scelta può essere puramente soggettiva, infatti la preferenza viene spesso influenzata anche dal fattore estetico del prodotto e dal tipo di utilizzo che ne dovrà essere effettuato.

Come accennato, infatti, questi dispositivi sono dotati di funzioni esclusive ed ognuno di essi ha delle caratteristiche non presenti su altri e che potreste o meno desiderare a bordo dello smartwatch da mettere al vostro polso.

Apple Watch 6 ed Apple Watch SE

I migliori smartwatch in commercio - apple watch
I migliori smartwatch in commercio – apple watch

All’interno di questa selezione abbiamo deciso di inserirli insieme, infatti riescono a coprire ben due fasce di mercato accontentando ogni tipo di consumatore.

Entrambi i modelli hanno in comune un design funzionale che, nonostante ad alcuni possa non piacere visto il form factor quadrato poco comune per un orologio, permette una lettura facilitata ed un ottimo impatto a livello visivo.

Questa nuova generazione, inoltre, vanta una cassa più sottile ed un display con diagonale superiore rispetto ai modelli precedenti.

Apple Watch 6 è l’orologio top di gamma prodotto dal colosso di Cupertino, dotato di un display estremamente luminoso e chip Apple S6 dual-core con processore wireless W3.

In parole povere la fluidità fa da padrona, concedendo anche il 10% in più di autonomia residua a fine giornata confrontando con Apple Watch Serie 5.

Il punto di forza viene identificato dal sensore di rilevamento dei livelli di ossigeno nel sangue e dall’altimetro che adesso risulta essere sempre attivo.

Apple Watch SE viene identificato come la versione economica, anche se non rinuncia quasi a nulla. Mantiene il display del fratello maggiore, ma incorpora il chip S5 SiP dual-core di Apple Watch 5.

La differenza non viene avvertita nell’utilizzo giornaliero. La stessa cosa non possiamo però dire per l’always-on display e per il sensore ECG, che sono in esclusiva sul fratello maggiore.

Entrambi i modelli sono consigliabili in modo particolare a chi utilizza già l’ecosistema o anche soltanto l’iPhone, che ne permette l’integrazione completa di ogni attività.

Samsung Galaxy Watch 3

Su molti aspetti può essere definito il diretto concorrente di Apple Watch, realizzato dal colosso sudcoreano e pensato come valida alternativa a veri e propri orologi.

Nonostante sia in vetta alla classifica dei migliori smartwatch in commercio, infatti, mantiene un design estremamente elegante.

Confondendosi ai veri orologi da polso, in questo caso è presente un display circolare da 1,4 pollici realizzato con tecnologia AMOLED.

Anche in questo caso non manca nulla in termini di sensoristica, dal modulo GPS rapido nel fix, NFC e WiFi.

Come sui modelli di Apple, troviamo il sensore per il rilevamento del battito cardiaco, sensore per l’ossigenazione del sangue e quello per l’ECG. Ottimo quindi per la sicurezza ed il monitoraggio della salute.

Tizen è il sistema operativo a bordo di Galaxy Watch 3, interfaccia realizzata interamente da Samsung che riesce ad integrarsi a pieno delle sue funzionalità con qualsiasi smartphone Android.

La particolarità di questa interfaccia utente viene identificato dall’utilizzo della ghiera, sempre presente su questa serie di dispositivi sin dalle vecchie generazioni, che permette di scorrere il menu ed i contenuti con estrema facilità.

Sebbene il sistema si possa interfacciare sia con Android che con iOS, è con gli smartphone Samsung che riesce ad ottenere il meglio dalle proprie funzioni. Complice la suite Samsung Health ed il servizio Samsung Pay, questo orologio riesce a tenere la competizione con la nemesi realizzata da Apple.

Huawei Watch 3

Nuova serie di dispositivi approdata in Italia da qualche mese e realizzata dal colosso cinese, viene accompagnata dal nuovo sistema operativo HarmonyOS in versione wearable.

Entrando immediatamente sul podio dei migliori smartwatch in commercio, viene venduto rispettivamente in versione Active Edition, Classi Edition e Watch 3 Pro.

Presenti sensori di ogni tipo: accelerometri, giroscopio, bussola, sensore ottico per la frequenza cardiaca, sensore di luce ambientale, barometro e sensore di temperatura della pelle.

La connettività non basa a spese con GPS di altissimo livello, Bluetooth 5.2, modulo WiFi ed eSIM integrata per renderlo del tutto indipendente dallo smartwatch.

E’ anche presente uno speaker di buona qualità che permette, proprio come i migliori competitor, chiamate in modalità vivavoce direttamente attraverso il polso.

Tra le funzioni esclusive vi sono quelle messe a disposizione dalla suite Huawei Health, dove sono presenti diversi programmi di allenamento ben realizzati.

TicWatch 3 Pro

Proprio come nelle sue tre generazioni precedenti, anche quest’ultimo modello entra di diritto tra i migliori smartwatch da acquistare.

Modello di punta realizzato da Mobvoi, mantiene un design sportivo e con display circolare realizzato con tecnologia AMOLED.

Un dispositivo senza troppi fronzoli, per una fetta di mercato senza troppe pretese. Dimensioni non certo irrisore, pensato per chi non bada al dettaglio con un design sportivo e materiali non troppo pregiati.

Ad alimentare il sistema operativo Android Wear realizzato dal colosso di Mountain View troviamo il nuovissimo processore Snapdragon Wear 4100 di Qualcomm, affiancato da 1 GB di RAM ed 8 GB di memoria interna.

Presente anche qui un sensore per il rilevamento del battito cardiaco e dell’ossigenazione nel sangue, il modulo GPS e tutte le connettività del caso insieme al modulo NFC per i pagamenti.

Uno smartwatch ideale per i fanatici dei sistemi stock di Google, anche se con questa ultima generazione l’azienda produttrice ha scelto un prezzo più elevato rispetto al passato.