Come assemblare un PC da gaming
Come assemblare un PC da gaming

Giusto poche settimane fa mi è tornata la voglia di sedermi al computer e rilassarmi con qualche titolo tra i più noti, comprendendo però che il mio non è un pc da gaming e che non supporta di certo gli ultimi aggiornamenti o giochi più recenti.

Nonostante il mio notebook vanti una scheda tecnica di tutto rispetto, bisogna ammettere che ormai i suoi anni li ha vissuti a pieno e non riesce evidentemente a stare al passo con le tecnologie moderne.

Questa è di certo la situazione in cui molti videogiocatori spesso si trovato, aggiornare l’hardware del proprio pc da gaming per restare al passo con i giochi del momento è necessario se si è appassionati di questo vasto universo.

Proprio per questo motivo ho deciso di scrivere una guida per tutti quegli utenti che, nonostante amino il mondo video ludico, non abbiano particolare praticità con l’hardware e si trovano in difficoltà quando si parla di assemblare un pc da gaming.

Conoscenze fondamentali: componenti di un PC

Prima di andare avanti è doveroso parlarvi in generale della composizione di un personal computer, infatti non tutti conoscono bene le componenti che vi sono all’interno ed il loro rispettivo compito.

Il componente fondamentale che riesce a dar vita a tutto grazie alla sua potenza di calcolo è la CPU (Central Processing Unit) o semplicemente chiamato processore, viene collegato alla scheda madre e comunica con tutti gli altri componenti di input/output attraverso delle “gallerie” o “canali” chiamati in gergo bus.

Importante anticiparvi che di serie le CPU vengono fornite con un dissipatore (attivo o passivo) che, spesso, viene sottodimensionato per l’utilizzo su PC da gaming. Proprio per questo motivo è consigliabile dirigersi su dissipatori più performanti, meglio se con sistema di raffreddamento a liquido.

La scheda madre è la parte di hardware principale su cui vengono collegati tutti i componenti di un PC, ma bisogna fare attenzione in quanto il socket deve essere compatibile con la CPU che si vuole utilizzare.

Altre componenti necessarie al funzionamento sono RAM (read only memory – memoria di sola lettura) e Hard Disk (oggi più noti come SSD – Hard Disk a Stato Solido). Queste componenti permettono rispettivamente: la lettura e scrittura dei dati in modo rapido e temporaneo, l’archiviazione di grandi quantità di dati.

Specialmente nel caso in cui si parli di PC da gaming è quasi obbligatorio parlare di scheda grafica dedicata, solitamente prodotte da Nvidia e AMD che sono i principali produttori del settore. Questo componente hardware viene collegato tramite connettore PCI Express, presente all’interno della scheda madre.

Fondamentale è l’alimentatore, che serve a dare energia a tutte le componenti precedentemente citate ed in questo caso bisognerà capire quanto potente debba essere per riuscire a gestire l’hardware in uso.

Infine, ma non per importanza, le componenti di Input/Output comunemente noti come periferiche per eccellenza che è possibile scegliere con maggiore facilità: monitor, tastiera e mouse.

Pc da gaming: come scegliere il case

case PC da gaming
case PC da gaming

Non è altro che il contenitore utilizzato per contenere al suo interno tutto ciò che viene collegato direttamente alla scheda madre, incluso l’alimentatore.

In passato non erano esteticamente gradevoli, ma con il corso degli anni il mercato ci ha permesso di vederne un evoluzione rapida fino a diventare dei prodotti di design in tutti i sensi.

Per il gaming vi consigliamo però la scelta di case spaziosi, grandi abbastanza da contenere alimentatori e dissipatori di una certa grandezza, senza contare le dimensioni delle schede madri di fascia alta.

Importante scegliere case con fattore di forma ATX, un formato utilizzato da quasi tutte le schede madri utilizzate per il gaming e che vi permette quindi di posizionarla nel migliore dei modi consentendo, possibilmente, di effettuare anche del cable management interno alla macchina.

Infine, un pò per gusto personale, su un case bisogna anche considerare la presenza di porte USB o jack cuffie da 3,5 mm frontalmente per un facile inserimento.

Pc da gaming: la scelta della scheda madre

scheda madre PC da gaming
scheda madre PC da gaming

Come ho già accennato prima, la scheda madre insieme alla CPU è il componente fondamentale per la gestione di un PC.

Nel corso degli ultimi anni queste schede si sono evolute per supportare tutti i processori di ultima generazione.

Per garantirvi alte prestazioni e compatibilità con le CPU più performanti vi consiglio delle schede con socket LGA1200 per processori Intel o socket AM4 per processori AMD, con supporto alle ultime RAM DDR4 ed alle ultime memorie M.2 entrate di recente sul mercato superando anche i dischi SSD.

Per garantire il funzionamento di gran parte delle schede video dedicate è importante che la scheda madre abbia in dotazione almeno uno slot PCI-e X16 ed almeno 3 slot PCI-e X1.

Quasi scontato dirlo, ma accertatevi anche che vi siano presenti 4 o più porte SATA 3, che al giorno d’oggi i dischi di archiviazione non sono mai abbastanza e nel caso il bios supporti la tecnologia RAID potrebbero avere un valore aggiunto.

Molti non lo sanno, ma la scheda madre non è composta solo dalla parte interna e complicata che tutti immaginano, ma anche da tutto l’insieme di porte che solitamente vediamo sul retro dei personal computer e su cui vengono collegati i diversi dispositivi di Input/Output.

In tal senso, vi suggeriamo di assicurarvi che quella da voi acquistata abbia un adeguato numero di porte USB 3.0 e USB 3.1. Ancora meglio se sono presenti anche porte USB Type-C e connettori HDMI, Ethernet e audio integrato con i diversi jack messi a disposizione.

Tra le più acquistate e consigliate troviamo sicuramente la MSI Z490-A Pro che racchiude in se tutte le caratteristiche fino ad ora elencate per chip Intel, oppure la MSI B450 Gaming Plus Max per chip AMD.

Pc da gaming: il processore, tra Intel e AMD

CPU PC da Gaming
CPU PC da Gaming

Sul mercato sono ormai disponibili CPU per tutte le tasche, ma in questo momento stiamo pensando ad un PC da gaming ed è quindi fondamentale scegliere un processore con almeno 4 core fisici.

Tra i chip più consigliati per il gaming troviamo sicuramente gli Intel Core i5 10600K di ultima generazione, appartenente alla serie Chipset Intel 400 Series.

Per gli amanti della concorrenza mi sento invece di consigliare AMD Ryzen 5 3600, un chip che si è distinto grazie alle sue prestazioni anche in ambito video ludico e che riesce ad arrivare anche fino a 4,2 GHz di clock con la tecnologia Max Boost.

Sistema di raffreddamento per la CPU

raffreddamento PC da gaming
raffreddamento PC da gaming

Il processore vista la sua enorme mole di lavoro tende a mantenersi su temperature elevate. Per fare in modo che queste però non vadano con i valori fuori dalla norma viene utilizzato un dissipatore, spesso fornito di serie sulla confezione delle CPU stesse.

Solitamente è però sconsigliato il dissipatore di serie per un PC da gaming, ciò a causa degli enormi calcoli che il chip dovrà gestire e che quindi potrebbero portare a temperature decisamente fuori dalla norma.

Tra i sistemi di ultima generazione più utilizzati troviamo i dissipatori con doppia o tripla ventola, spesso includendo anche un raffreddo a liquido.

Tra i più acquistati, senza svenarci troppo sul prezzo, consiglio sicuramente il MSI Mag CoreLiquid 240R.

Si tratta di un dissipatore a liquido con doppia ventola PWM 120mm, radiatore da 240mm ARGB e compatibile con tantissimi socket Intel e AMD, inclusi LGA1200 ed AM4.

Pc da gaming: la scelta della RAM

RAM pc da gaming
RAM pc da gaming

Come già anticipato, ricordato anche dall’acronimo Read Only Memory, all’interno di questo componente arrivano tutti i dati di passaggio che il sistema utilizza in quel preciso istante in cui ci servono.

Necessario quindi che venga caratterizzato da una elevata velocità di lettura e scrittura, parametri che devono sicuramente essere ancora più importanti in ambito gaming.

Mantenendoci sullo standard DDR4, più diffuso tra i dispositivi di ultima generazione, bisogna quindi considerare la frequenza e l’utilizzo delle tecnologie Dual e Quad Channel ormai quasi sempre presenti sulla scheda madre. Queste ultime tecnologia permettono di raddoppiare o addirittura quadruplicare i canali utilizzati dalla RAM, aumentando esponenzialmente la velocità di lettura e scrittura dei dati.

Considerando che la base di partenza per un PC da gaming è quella dei 16GB, mi senti di consigliarvi le Corsair Vengeance RGB Pro Black a 3600 MHz.

PC da gaming: archiviazione dei dati

hard disk pc da gaming
hard disk pc da gaming

Se fino ad alcuni anni fa il vostro PC era tra i più veloci grazie al dischi SSD, oggi i tempi di risposta sono stati ulteriormente ridotti grazie alle memorie M.2. Ovviamente ad oggi non tutte le schede madri supportano questo tipo di memorie, quindi mi limiterò a suggerirvene una di ogni tipo, tra le migliori sul mercato.

In termini di grandezza, però, la scelta è soggettiva e dipende dalla quantità di giochi che volete installare sul vostro PC da gaming.

Per quanto riguarda i dischi SSD vi suggeriamo tra i migliori Samsung 870 EVO, mentre tra gli M.2 spiccano le Samsung MZ-V7S250 970 EVO Plus.

PC da gaming: la scheda video dedicata

scheda video pc da gaming
scheda video pc da gaming

Per questo tipo di attività è senza dubbio, insieme al processore, la componente più importante del lotto in quanti si occuperà di processare le immagini dei giochi garantendo – dipendentemente da quella acquistate – le migliori prestazioni possibili.

E’ vero che è possibile utilizzare un pc senza la scheda grafica dedicata, infatti le CPU al loro interno contengono una scheda grafica integrata che però non permetterà mai grandi elaborazioni come quelle che ci aspettiamo per le attività dei video giocatori.

Parlando di memorie, da non sottovalutare in queste situazioni è appunto quella dedicata alla memoria grafica. Per dirla con parole semplice, non è altro che la RAM utilizzata per l’elaborazione delle immagini.

Ad oggi è importante che di base, almeno per l’attività gaming, una scheda video abbia almeno 4GB di memoria che in alcuni casi potrebbero addirittura risultare pochi.

Proprio come per i processori, tra i brand che troviamo sul mercato ci sono NVIDIA ed AMD. In particolare, quelle più performanti portano con se rispettivamente la sigla GTX, RTX o RX.

Come potrete sicuramente notare, i prezzi di queste componenti sono decisamente elevati. Evidenzio, inoltre, che nel corso degli ultimi anni la richiesta è aumentata a tal punto da far lievitare i prezzi e rendere alcune tra queste schede quasi introvabili.

Tra quelle che mi sento di consigliarvi ci sono la Asus Dual GeForce RTX 2060 OC Edition EVO 6GB GDDR6 prodotta da Nvidia, e la Sapphire Pulse Radeon RX 580 8GD5.

PC da gaming: la responsabilità dell’alimentatore

Possiamo dire che gran parte della responsabilità nel funzionamento di un pc, sia questo per uso standard o da gaming, è sulle spalle dell’alimentatore.

In modo particolare per attività video ludiche è spesso consigliabile sovra dimensionare la capacità del componente, calcolando la quantità di watt necessari al funzionamento di ogni singola parte hardware installata sulla scheda madre.

Per i pc da gaming sono consigliati alimentatori con capacità superiori ai 600 W, prestando particolare attenzione alla quantità di cavi messi a disposizione ed alla loro modulabilità, che vi consentiranno di alimentare più o meno dispositivi.

Tra i più acquistati su internet troviamo il Thermaltake Smart RGB, che darà anche un tocco aggressivo alla parte posteriore del PC grazie ai led integrati.

Periferiche da gaming: monitor, tastiera e mouse

periferiche pc da gaming
periferiche pc da gaming

Il lavoro più grosso è stato fatto. Il PC contiene adesso tutte le componenti più importanti utili al suo corretto funzionamento. Non manca che pensare alle periferiche principali, che ci permetteranno così di giocare nel migliore dei modi.

A questo punto la scelta è principalmente soggettiva, dipende infatti dal gusto personale e dal budget messo a disposizione che di certo non influirà sulle prestazioni del PC stesso.

Monitor

Per vedere al meglio i contenuti la diagonale minima per un monitor gaming è sicuramente quella dei 27 pollici. In base a questo la mia scelta ricade sul Samsung Gaming Odyssey G5 versione 2021.

Disponibile anche nei tagli da 32 e 34 pollici, è dotato di un pannello curvo WQHD 2K con tempo di risposta di 1 ms e refresh rate da 144 Hz.

Include al suo interno la tecnologia FreeSync Premium per interfacciarsi al meglio con le schede grafiche di ultima generazione ed è dotato di ingresso HDMI, display port e audio.

Tastiera

Tra i migliori brand a contendersi il titolo troviamo sicuramente Corsair e Logitech. Tuttavia, il primo è il più affermato in ambito gaming ed è per questo che mi sento di consigliare la K55 RGB da gaming retroilluminata.

Mouse

Stesso discorso per il dispositivo di puntamento, per cui i due brand continuano a contendersi la supremazia del mercato. La scelta ricade su Corsair Harpoon PRO RGB con 12000 DPI ottico, perfetto per le prime sessioni da vero gamer.