5g

La diffusione di internet e dei dispositivi ad esso collegati ha posto per persone e aziende la necessità di avere prestazioni sempre più di qualità e quindi con maggiore velocità e capienza nel trasporto dati. La pandemia ha accentuato questo bisogno: trascorrendo più tempo in casa è venuto naturale cambiare abitudini sia di stile di vita che di consumo. Computer, cellulari e tablet sono entrati nelle nostre vite con maggiore intensità e anche chi non era solito adoperarli pedissequamente si è trovato sempre più a interagirvi.

In questo contesto, una nuova tecnologia per la rete mobile sta facendo discutere nel belpaese: quella della copertura 5G, che va a sommarsi alle attuali 2G, 3G e 4G. Si tratta di una rete che ha diviso per il presunto impatto che ha sulla salute, ma siamo sicuri che sia proprio così? In questo articolo cercheremo di rispondere a questa domanda andando a vedere di cosa si tratta e come funziona.

5G: di cosa si tratta

Con il termine 5G si intendono tecnologie e standard di nuova generazione per la comunicazione mobile. Si tratta di un sistema che ha numerose applicazioni essendo il digitale sempre più diffuso presso tutta una serie di dispositivi. Non solo quindi smartphone di ultima generazione, ma anche elettrodomestici, semafori, orologi, auto di ultima generazione, ecc.ecc. Quasi senza che ce ne accorgessimo il digitale e la sua rivoluzione sono arrivati nel cuore delle nostre vite. Un esempio? Il fatto che i dispositivi sono sempre più multitasking. Prendiamo l’orologio da polso, un oggetto comodo, pratico, nato per poter avere sotto lo sguardo il passare di ore, minuti e secondi, capace oggi di reinventarsi in modalità digitale con funzioni che vanno dalla telefonia all’ausilio in pratiche quotidiane come quelle sportive.

Il 5G non è una semplice evoluzione del 4G, ma una tecnologia a sé, con caratteristiche tecniche proprie e quindi con specifiche antenne, frequenze e tecniche di trasmissione dati, una soluzione diversa da quelle sperimentate finora. Attualmente è stato utilizzato in 5 città italiane ovvero Milano, Roma, Napoli, Bologna e Torino; l’obiettivo è quello di raggiungere altre 100 realtà urbane.

Pro e contro della nuova rete di copertura

Il vantaggio maggiore della rete 5G è dato dall’innovazione che presenta in termini di velocità e trasporto dati senza precedenti e capace di gestire notevoli quantità di materiale digitale: un aiuto di non poco conto per i nuovi consumi. Altro elemento è dato dal fatto che gran parte del lavoro passa dai dispositivi mobile alle antenne, con la conseguente possibilità, in un uso massivo, di avere un risparmio energetico di non poco conto, grazie alla maggiore durata delle batterie di device. Inoltre, con il 5G sarà possibile attivare nuovi servizi in aggiunta a quelli già esistenti.

E le controindicazioni? Riguardo al temuto pericolo per la salute al momento non ci sono dati che lo confermino né che lo escludano. Per avere risposte certe serviranno anni di studi, ma quanto rilevato dalle ricerche attuali fa pensare che la rete 5G, per le sue caratteristiche tecniche e la diffusione capillare, dovrebbe avere effetti negativi paragonabili a quelli delle tecnologie precedenti se non addirittura inferiori.