tradurre pensieri in parole
tradurre pensieri in parole

Arriva un passo rivoluzionario nel mondo della tecnologia. Una di quelle invenzioni che da un lato entusiasmano e dall’altro quasi inquietano. Ma si tratta di un traguardo raggiunto di importanza incredibile, frutto dello studio e dell’applicazione lavorativa di decenni. Di cosa stiamo parlando? Di un’intelligenza artificiale in grado di leggere nei pensieri delle persone e di tradurli in parole. Andiamo a vedere dove è nata e in quale modo opera.

Tutto quello che c’è da sapere sul nuovo algoritmo

Il sistema di intelligenza artificiale è stato sviluppato a San Diego, presso l’Università della California, ed i risultati della sua applicazione sono stati riportati – ovviamente in seguito a molteplici test – sulla rivista Nature Neuroscience. Di che cosa si tratta, in sostanza? Di un algoritmo. Questo è in grado di “leggere” l’attività elettrice registrata nel cervello delle persone per poi, in un secondo momento, interpretarla e tradurla. Un elemento ulteriormente sorprendente di questa invenzione è il fatto che opera in tempo reale.

Si tratta di un evento rivoluzionario poichè i tentativi condotti finora non avevano mai avuto grande successo, fermandosi alla decodifica – in genere – del circa 40% delle parole. Questo nuovo sistema invece sembra operare con una precisione incredibile, come ha dimostrato il test condotto su quattro pazienti, e presenta un margine di errore del solo 3%. Si capisce quindi l’enorme passo avanti compiuto nel settore.

Gli scenari per il futuro prossimo

Il vocabolario raggiunto fino a questo momento dall’algoritmo sembra essere indicativamente di 250 parole: queste quelle contenute nelle frasi lette dai quattro soggetti sottoposti al test. Che si trovavano in quella condizione per monitorare le crisi epilettiche. E questo è solamente una delle occasioni in cui la nuova tecnologia potrebbe venire impiegata.

Sono infatti innumerevoli, in campo medico e non soltanto, i settori nei quali un sistema di questo tipo potrebbe davvero fare la differenza anche nella quotidianità. Ovviamente adesso saranno necessari altri test, ulteriori modifiche e certificazioni. Ma quello che fino a poco fa poteva sembrare pura fantascienza oggi è realtà: l’essere umano ha creato davvero un sistema di intelligenza artificiale in grado di leggere, interpretare e convertire in parole i pensieri.