smartphone 5g

Sono numerosi i produttori del settore tecnologico che negli ultimi tempi hanno presentato agli addetti ai lavori e al pubblico i propri smartphone 5G, mentre altrettante case stanno studiando prototipi con i quali debuttare in questo settore. Nei prossimi mesi, gli e-commerce e gli scaffali dei negozi vedranno il debutto di questi dispositivi, capaci di supportare la cosiddetta quinta generazione che – come noto – assicura una velocità di trasmissione dei dati nettamente più elevata rispetto a quella attuale, sia per l’upload che per il download. Il 5G consiste nel nuovo standard di rete che, a meno di imprevisti, esordirà entro dicembre 2019. L’infrastruttura di rete è oggetto di importanti investimenti da parte degli operatori telefonici del nostro Paese, e non a caso il 5G coprirà già alcune città italiane a partire dalle prossime settimane.

Cosa bisogna sapere sugli smartphone 5G

Prima di fiondarsi nei negozi di telefonia a Milano in cerca di uno smartphone 5G, però, è necessario conoscere più da vicino il loro funzionamento. In primo luogo, è bene sapere che gli smartphone, per riuscire a navigare in 5G, devono essere muniti di modem specifici per questo scopo. I produttori più celeri da questo punto di vista sono stati Huawei e Qualcomm, che hanno battuto i competitor e hanno mostrato al pubblico i propri modem, denominati rispettivamente Balong 5000 e X50. Già nei prossimi mesi i due apparecchi entreranno in azione: in particolare, il Balong 5000 è stato installato da Huawei sul Mate X, mentre più diffuso sarà lo X50 che è montato sullo Xiaomi Mi Mix 3, sul Galaxy S10 5G e sull’LG V50 ThinQ 5G, oltre che su tutti gli altri telefoni in uscita che funzioneranno per mezzo di Snapdragon 855. A questo punto, vale la pena di conoscere gli smartphone 5G più performanti che potremo comprare di qui a breve.

Il Samsung Galaxy S10 5G

Non si può che iniziare con il nuovo smartphone di Samsung che può vantare il supporto al 5G: se non ci saranno cambi di programma, nel nostro Paese lo vedremo a partire da giugno. Lo schermo è da 6.7 pollici e si caratterizza per la risoluzione QuadHD+, mentre per il resto non ci sono grandi differenze, almeno sul piano estetico, tra questo smartphone 5G e tutti gli altri modelli che fanno parte della serie S10. Fuori cambia poco, insomma, perché le modifiche più significative sono all’interno, con la memoria interna da 256 giga e la Ram da 8 giga che supportano il chipset Snapdragon 855. Per quel che riguarda i costi, non sono ancora state fornite cifre ufficiali, ma è facile attendersi un prezzo di almeno 1.500 euro.

Il Mate X di Huawei

Come si è detto, un altro dei modelli in uscita con supporto al 5G sarà il Mate X di Huawei, che avrà un’altra peculiarità destinata a non passare inosservata: lo schermo flessibile. In questo caso il prezzo è già noto, e non è alla portata di tutti: 2.299 euro per un telefono con memoria interna da 512 giga e Ram da 8 giga. La velocità di download di cui è possibile usufruire grazie al modem Balong 5000 arriva fino a 4.5 giga al secondo. Degno di attenzione lo schermo flessibile ad alta risoluzione da 8 pollici: nel momento in cui il telefono viene piegato, lo schermo posteriore è da 6.36 pollici, mentre quello anteriore è da 6.6 pollici.

Il Mi Mix 3 5G di Xiaomi

Infine, l’ultima proposta che attira la curiosità degli appassionati è il Mi Mix 3 di Xiaomi, naturalmente rivisitato in versione 5G e con componenti interne inedite: lo schermo con risoluzione FullHD+ è da 6.39 pollici, mentre la memoria interna è da 128 giga.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × quattro =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.