streaming musicale

Apple ‘sta in campo sia come giocatore sia come arbitro’. Questo è quanto, in accordo con quanto è stato riportato dal Corriere.it, ha dichiarato nei giorni scorsi l’amministratore delegato di Spotify Daniel Ek in una nota dopo che la società svedese dell’omonimo servizio di musica in streaming online si è rivolta all’Ue contro la società di Cupertino.

Botta e risposta tra Apple e Spotify, la disputa finisce sul tavolo dell’Ue

In particolare, secondo Spotify, ‘negli ultimi anni, Apple ha introdotto regole sull’App store che limitano di proposito la scelta e soffocano l’innovazione a spese dell’esperienza degli utenti’.

Ma al riguardo non è mancata la replica di Apple in accordo con quanto si legge in un comunicato che è stato pubblicato pure sul sito Internet in lingua italiana. In merito, infatti, la Apple ha risposto alle affermazioni di Spotify, a partire da quella secondo cui la società di Cupertino starebbe impedendo di accedere a prodotti e aggiornamenti per la sua app.

La società di Cupertino, ‘Spotify vuole tutti i vantaggi di un’app gratuita senza che sia gratuita’

Per tutta risposta, secondo la Apple, invece, ‘Spotify vuole tutti i vantaggi di un’app gratuita senza che sia gratuita’, e rimarca anche che ‘per l’84% delle app dell’App Store, Apple non riceve alcuna commissione per il download e l’utilizzo’.

Di conseguenza la società di Cupertino, nel raccontare la sua verità, precisa che ‘non è una discriminazione, come afferma Spotify, perché dipende dalla natura dell’app’. Vedremo ora se in futuro la Commissione Ue darà seguito all’accusa di Spotify di concorrenza sleale da parte di Apple.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

quindici + 8 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.