Stephen Hawking avverte, la tecnologia senza controllo potrebbe distruggere tutti noi
Stephen Hawking avverte, la tecnologia senza controllo potrebbe distruggere tutti noi

Di troppa tecnologia, specie se senza un adeguato controllo attraverso la logica e la ragione, la razza umana potrebbe morire. Ad affermarlo, in accordo con quanto riportato dal Times, è stato il cosmologo, fisico, matematico ed astrofisico britannico Stephen Hawking precisando, tra l’altro, che con l’avanzare delle tecnologie legate all’intelligenza artificiale si rischia una guerra nucleare o biologica.

Stephen Hawking ed i rischi della tecnologia, serve ‘una qualche forma di governo mondiale’

Nel dettaglio, secondo Stephen Hawking fino ad ora, e soprattutto nel passato, l’evoluzione e l’aggressione della tecnologia ha garantito evidenti vantaggi per la sopravvivenza della razza umana, ma ora tale aggressione è così avanzata e viaggia a ritmi tali che si potrebbe rischiare la catastrofe. Detto questo, il fisico britannico resta in ogni caso ottimista sul fatto che l’uomo possa controllare e gestire tali rischi, ma per farlo auspica la nascita di ‘una qualche forma di governo mondiale’ in grado di andare a gestire quelle derive che rischiano di essere incontrollabili.

Stephen Hawking, cosa fare prima che l’uomo sulla Terra possa autodistruggersi

Per Stephen Hawking, l’uomo è potenzialmente in grado di gestire queste sfide, ma non è la prima volta a lanciare un avvertimento sul fatto che l’intelligenza artificiale potrebbe presto arrivare ad un grado di evoluzione e di sviluppo tale da distruggere ogni cosa. Dalle pagine del Times è di conseguenza emersa ancora una volta l’inquietudine di Stephen Hawking per il futuro del nostro Pianeta. E non a caso in passato, proprio prima che l’uomo sulla Terra possa autodistruggersi, Stephen Hawking ha più volte auspicato che in un futuro non troppo lontano gli esseri umani possano creare delle colonie spaziali.