Arrivano i dati pressochè definitivi del mercato dei videogames in questo 2010. Potremmo dire che si tratta di un bilancio negativo, ma dai risvolti positivi: infatti l’Asvi, l’Associazione editori software videoludico italiana, ha diramato i dati definitivi sul mercato dei videogames e in linea di massima la situazione sembrerebbe negativa. Infatti c’è stato un calo delle vendite del 2.3%, per un giro totale di 1.1 miliardi di euro, con 20 milioni di pezzi venduti negli scorsi dodici mesi. Perchè questi dati non dovrebberoe essere negativi? Perchè se raffrontiamo il calo dei consumi in Italia, è chiaramente in linea con il calo delle vendite dei prodotti video ludici. Ecco nel dettaglio i numeri di questo calo, seppur limitato:
Console fisse, + 3.8% a volume, – 1.3% a valore
Videogiochi console fisse, + 9.6% a volume, + 12.6% a valore
Console mobili, – 7,4% a volume, – 8,9% a valore
Ma il settore in grave crisi è quello dei videogiochi per pc: il calo delle vendite dei giochi per computer è del 19.9%, per quello che riguarda il volume di vendite, mentre per quanto riguarda il calo del valore è pari al – 15.4%. “Il calo è determinato in parte dall’impatto della pirateria, in parte dal fatto che questa rilevazione si riferisce soltanto ai canali di distribuzione ‘fisici’ e non include l’online, verso cui si sta ormai orientando il mercato dei pc games” si legge nella nota dell’Asvi (Associazione editori software videoludico italiana).