google-wave

Forse non tutti i lettori conoscono il nuovo progetto di Google, denominato Wave. Si tratta di un sistema di chat molto avanzato: ne avevamo già parlato qualche mese fa, quando ancora se ne sapeva pochissimo. Ora invece il progetto è stato rivelato in fase di test: chi ha ricevuto l’invito può provarlo. Noi abbiamo avuto il privilegio di testarlo e di recensirlo per voi (un ringraziamento a RisorseGeek per l’invito).

Sostanzialmente, Wave si pone l’obiettivo di ammodernare il concetto di “chat”, che, finora, è sempre avvenuta in tempo reale tra persone collegate contemporaneamente, applicandola al concetto di comunicazione di gruppo in differita, come può avvenire con un forumo con Google Gruppi, fondendoli per creare uno strumento efficace ed avverinistico. Molti blog e portali di informatica però hanno giudicato il nuovo Wave come un prodotto rivoluzionario che sostituirà i Social Network e le chat tradizionali. Io non sono d’accordo. Trovo che Wave sia piuttosto uno strumento destinato a professionisti per parlare in gruppo e fare, ad esempio, un riunione a distanza o per organizzare, sempre a distanza, un lavoro di gruppo.

Accendendo per la prima volta a Wave ho individuato subito qualche problema di base: non è molto intuitivo, servono parecchi minuti per prenderne confidenza, non perchè sia complesso e ricco di pulsanti, ma piuttosto perchè non è semplice capire quali siano le funzioni dei tool presenti.

Le zone più importanti riguardano i contatti, gli Wave cui si è iscritti ed il contenuto del Wave selezionato.  Un Wave (onda) consiste in un insieme di messaggi cui due o più contatti possono partecipare, nulla di assolutamente rivoluzionario: mi ricorda vagamente Twitter, in cui però la possibilità di eseguire conversazioni private professionali è migliore.

In definitva, anche quando Wave sarà disponibile definitivamente, non sarà utilizzato da schiere di ragazzi e persone come un Social Network, ma ha tuttavia l’opportunità di permettere conversazioni per professionisti molto avanzate.

Appena avrò la possibilità di offrire inviti per Wave, li regalerò agli utenti interessati. Intanto, qualcun’altro ha provato Wave? Opinioni?