Abaco Primo

OK, il computer che sto per presentarvi non sarà certo la Ferrari dei computer, al massimo, in termini automobilistici, è paragonabile ad una Panda. Ma non è forse la Panda l’auto più venduta d’Italia? E questo grazie ad un design non eccellente, ma apprezzabile, una qualità dei componenti non di lusso, ma accettabile per il ruolo che è destinata ad avere e, soprattutto, un prezzo abbordabile. Allo stesso modo la Abaco, casa produttrice di computer un po’ ignota, irrompre prepotentemente sul mercato con un prodotto per tutte le tasche, a soli 99€, e, un po’ come la Panda del paragone, destinato a chi non deve fare del proprio pc uno “status-symbol”  nè farne un uso tanto intensivo o che necessiti di molta potenza.

Nello specifico, la dotazione hardware dell’Abaco Primo non si può certo ritenere all’ultimo grido e la sua componentistica non è certo quella di un computer della NASA, ma fa tutto quello per cui è progettato e lo fa anche bene. E cioè creare documenti, navigare in Internet e svolgere tutte quelle funzioni più basiche ormai all’ordine del giorno per l’utente medio. Può quindi essere un’ottima opportunità come secondo computer di famiglia, o da regalare ai bambini…

Le specifiche generali sono le seguenti:

  • Processore Intel Atom 1.6Gh
  • Ram 512 MB
  • Hard Disk Flash 4GB
  • Scheda Video Intel GMA950
  • Peso 4,9Kg
  • Sistema Operativo XUbuntu Linux

Queste specifiche però sono solo indicative: è infatti possibile personalizzare il proprio acquisto, aggiungendo qualche decina di Euro, con memorie più potenti, ad esempio una Ram da 1GB costa 7€ e un Hard Disk da 160B 38€ o, per esempio, un monitor da 125€.

Il prezzo base è di 99€, ma implementando il sistema con qualche accessorio quindi il prezzo lievita a poco più di 200€, che rimane comunque un prezzo accessibile ed inferiore ai concorrenti.

Per saperne di più, visita il sito ufficiale.