Per la decodifica dei codici Data Matrix è necessario impiegare un lettore ad hoc, a cui si ricorre per la tracciabilità dei prodotti in automatico. Tali codici permettono di codificare una quantità di informazioni superiore rispetto a quella che potrebbe essere codificata con i codici a barre normali, e per di più in uno spazio minore.

Nel momento in cui la codifica dei codici a due dimensioni si è diffusa sempre di più, anche i lettori Data Matrix sono diventati indispensabili, per tracciare i singoli componenti dei prodotti. Il controllo di qualità che ne deriva ottimizza tutti i processi produttivi: ora, infatti, i vari pezzi vengono marcati con simboli permanenti che poi saranno sottoposti a una lettura ottica, così che essi possano venire tracciati per tutto il loro ciclo di vita.

La marcatura diretta dei pezzi può essere effettuata con vari metodi. I simboli DPM (acronimo che sta per Direct Part Mark) nella maggior parte dei casi sono marcati a due dimensioni con l’incisione laser o con la micropercussione, che garantiscono un risultato permanente a prescindere dal tipo di substrato con cui si ha a che fare: che si tratti di gomma, di plastica o di metallo, sono molti i materiali che possono essere sottoposti a tale trattamento.

Si usano metodi di marcatura che, tuttavia, in alcune circostanze generano una visibilità a contrasto ridotto; in altre situazioni la stampa del simbolo risulta incoerente. In un caso o nell’altro, la consueta tecnologia di lettura delle immagini risulta inutile, o comunque viene messa a dura prova, per la decodifica.

I lettori Data Matrix eliminano tale problema. Essi possono essere portatili o a montaggio fisso, a seconda dell’utilizzo a cui sono destinati, e permettono di decodificare senza problemi sia i codici a barre lineari che i simboli a due dimensioni Data Matrix, in virtù di una tecnologia sicura e innovativa.

Per le letture ad alta velocità si può ricorrere a lettori diversificati, ma la gamma di opzioni che il mercato mette a disposizione è molto ampia e variegata, e include anche le applicazioni sensibili alle scariche elettrostatiche.

Per la lettura di un codice Data Matrix non servono dispositivi ingombranti o voluminosi: la maggior parte dei lettori, oggi, si caratterizza per dimensioni compatte e per una notevole versatilità di impiego. Molto avanzata è la tecnologia a lenti liquidi, che ha il pregio di fornire infinite capacità di messa a fuoco, senza che ciò comporti un minimo aumento delle difficoltà di utilizzo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.