Commercio elettronico, Amazon e Poste Italiane siglano accordo triennale
Commercio elettronico, Amazon e Poste Italiane siglano accordo triennale

Al colosso americano Amazon il commercio elettronico non basta. La società di Jeff Bezos, infatti, vuole anche fare banca proponendo conti correnti, e per questo ha già avviato delle trattative con alcune banche americane a partire dal colosso JP Morgan in accordo con quanto è stato riportato da LaStampa.it.

Offerta conti correnti, Amazon punta sul target giovanile

All’interno dei piani di allargamento dei servizi alla clientela, in particolare, Amazon con l’offerta di servizi bancari punta ad attirare il pubblico giovane che è anche quello che di norma è più propenso ad effettuare acquisti online.

Sebbene quello di fare banca per Amazon non rappresenti un core business, pur tuttavia avere clienti che pagano attraverso un conto corrente ad hoc potrebbe portare ad un abbattimento dei costi per la società ed anche per chi acquista dal sito del colosso del commercio elettronico.

Banche e credito, Amazon già attiva con il servizio ‘Lending’

Amazon, tra l’altro, è già attiva nel settore dei servizi bancari e finanziari, ed in particolare nella concessione di prestiti con ‘Amazon Lending‘ che, in accordo con quanto riportato da IlSole24Ore.com, attualmente è attivo solo nel Regno Unito, negli Stati Uniti ed in Giappone.

I tassi di interesse proposti con Amazon Lending non sono di certo a buon mercato, ma con il servizio i piccoli imprenditori possono ottenere prestiti veloci, con erogazione anche in sole 24 ore, da un minimo di 1.000 dollari ad un massimo di 750 mila dollari. Amazon Lending, servizio con il quale alla fine del 2017 erano stati erogati prestiti per 3 miliardi di dollari circa, ha quindi la sua forza nella velocità.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.