TIM-Open Fiber, Codacons presenta esposto su possibile fusione
TIM-Open Fiber, Codacons presenta esposto su possibile fusione

Nell’ambito dello sviluppo di servizi innovativi per la Capitale, e per quella che è la naturale evoluzione delle reti di telecomunicazioni, a Roma e per Roma la società Acea ed Open Fiber hanno siglato un importante accordo industriale che fa seguito ad un Memorandum of Understanding che è stato firmato lo scorso 3 agosto.

Investimenti Roma Acea-Open Fiber, 375 milioni di euro in cinque anni

Trattasi, nello specifico, dell’accordo per la realizzazione di un’infrastruttura di rete in fibra ottica che, con investimenti che in cinque anni saranno complessivamente pari a 375 milioni di euro circa, raggiungeranno nella Capitale, in termini di copertura, ben 1,2 milioni di unità immobiliari.

Acea, che in Italia sarà tra i primi grandi player ad introdurre sulle reti elettriche la tecnologia IOT – Internet of Things, con un comunicato ha altresì reso noto che, nel corso del corrente anno, è prevista la costituzione di una società a capitale misto che, con la maggioranza posseduta dalla società multiservizi, si occuperà di implementare i servizi intelligenti ai cittadini.

Rete in fibra ottica Roma, progetto Acea-Open Fiber occuperà fino a 1.500 persone

A livello occupazionale il progetto Acea-Open Fiber per la connettività ultraveloce tramite reti in fibra occupa avrà un impatto positivo a livello occupazionale pari a 1.000 posti di lavoro nei cinque anni con punte fino a 1.500 addetti.

Grazie all’infrastruttura, come sopra accennato, la copertura ultraveloce andrà ad interessare a Roma 1,2 milioni di unità immobiliari per reti Internet ad una velocità di 1 Gigabit al secondo che permetteranno di rivoluzionare la capacità digitale non solo delle utenze domestiche, ma anche delle Amministrazioni Pubbliche e delle aziende.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.