State cercando il conto corrente più vantaggioso e siete indecisi se utilizzare il conto corrente postale, oppure se aprire direttamente quello bancario? Bisogna infatti, sottolineare che ci sono dei vantaggi in entrambi i tipi di conti e di solito bisogna decidere in base alle proprie esigenze valutando le caratteristiche sia del conto corrente postale che di quello bancario. Il primo va sotto il nome di bancoposta e funziona in maniera un po’ diversa, rispetto a quello che è il conto corrente bancario.

La scelta del conto corrente bancario: i vantaggi

Il conto corrente bancario viene messo a disposizione dalle banche e serve a depositare le somme di contanti che avete, in base a quelli che sono i vostri redditi e potrete quindi seguire tutti i flussi finanziari versando o prelevando dei soldi, oppure pagando bollette o facendo anche altri generi di investimento. Bisogna specificare che proprio in banca, è possibile ricavare degli interessi depositando delle somme, o magari facendo una sorta di investimento su alcuni titoli. È possibile anche tutelare i propri fondi fino a €100000 grazie alla garanzia del Fondo Interbancario di Tutela del deposito, che quindi previene qualunque tipo di rischio ai correntisti che detengono i loro soldi in banca. Un conto corrente bancario, vi dà anche la possibilità di avere delle carte di credito oppure carta di debito, oltre che i libretti per gli assegni, mentre molto spesso è possibile aprire contestualmente anche un conto corrente online che dimezza, se non azzera totalmente le spese. Il conto corrente così, avrà però dei costi relativamente più alti che vale la pena tenere sotto controllo per evitare una perdita di capitale del corso del tempo.

La scelta del conto corrente postale: i vantaggi

Il conto corrente postale è molto simile a quello bancario per quanto riguarda dei servizi offerti, ma a disposizione non sono c’è solo la versione a sportello, ma anche quella online. Di solito è un po’ più economico e dà anche l’opportunità di avere delle carte bancomat e un libretto di assegni, oltre ad effettuare dei prelievi dei pagamenti elettronici molto praticamente, riducendo del tutto i costi. Rispetto alla banca infatti, il conto corrente postale permette comunque, di eseguire almeno un numero adeguato di azioni, attraverso gli strumenti delle ultime innovazioni tecnologiche: sono molte le operazioni che si possono eseguire attraverso le applicazioni, disponibili anche per dispositivi mobili e quindi, vale la pena provare questo tipo di attività. Inoltre, i conti correnti BancoPosta sono un po’ più rischiosi perché non aderiscono al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, visto che le poste non sono come le banche, però i libretti di risparmio così come i buoni fruttiferi delle Poste vengono garantiti dallo Stato.

Conto corrente bancario oppure postale?

La risposta a questa domanda non è univoca in quanto bisognerà scegliere il tipo di conto corrente che è più adatto alle proprie esigenze, in base ai tipi di operazioni che si faranno e soprattutto, per capire se effettivamente si tratti di aziende oppure privati. È necessario cercare di verificare qualunque tipo di necessità, prima di capire se magari potrete scegliere un conto che, seppur più economico però, non vi dà la possibilità di svolgere determinate azioni o magari di effettuare una serie di investimenti per il vostro futuro. In ogni caso, vale sempre la pena anche verificare le condizioni prima di procedere. In questo approfondimento di qualeconto.net, sarà possibile trovare tutte le informazioni sulle caratteristiche principali di questi due differenti tipi di conto e solo successivamente, quindi si potrà prendere una decisione consapevole circa il tipo di conto che si vuole aprire e che deve essere scelto in base a specifiche esigenze.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here