App Android, sul Google Play ora si provano prima di acquistarle
App Android, sul Google Play ora si provano prima di acquistarle

I nuovi orologi Google Android Wear 2.0 sono pronti al lancio. A rivelarlo è stato il product manager di Android, Jeff Chang, con l’uscita attesa, per due nuovi modelli di smartwatch, nel primo trimestre del 2017 in forza al nuovo aggiornamento Android 2.0 che permetterà, tra l’altro, di far funzionare l’orologio senza dover più possedere uno smartphone compatibile.

I nuovi smartwatch Google Android Wear 2.0 da un lato supporteranno non solo Android Pay, ma anche un assistente vocale, ma dall’altro non saranno caratterizzati dal brand Pixel o da quello dell’omonimo motore di ricerca. E’ stato proprio Jeff Chang a rivelare infatti che quelli che saranno, per la linea Wear, i nuovi fiori all’occhiello, porteranno la firma del produttore che li ha realizzati. Il nome del produttore non è stato ancora rivelato sebbene trattasi di un partner che ha collaborato in passato proprio nella progettazione hardware e software dei nuovi dispositivi.

Sui nuovi orologi pronti al lancio sul mercato nel corso del primo trimestre del prossimo anno, Android Wear 2.0, nella sua quinta ed ultima versione con il supporto per le nuove funzioni Android Pay e Google Assistant, sarà rilasciato da Google nel mese di gennaio del 2017. E sebbene non manchi la concorrenza sul mercato degli smartwatch, Google punta con i nuovi modelli a convincere i consumatori a scegliere i propri orologi a tecnologia indossabile dopo che i tentativi precedenti, da quasi tre anni a questa parte, hanno prodotto risultati inferiori alle attese.

Google, stando a quanto dichiarato proprio dal product manager di Android Jeff Chang, è molto ottimista riguardo al futuro del mercato degli smartwatch mettendo tra l’altro in evidenza come la collaborazione con altri partner, per la realizzazione e per il lancio dei nuovi modelli, sia stata vantaggiosa in quanto ha permesso di realizzare dispositivi in base alle diverse preferenze da parte dei consumatori.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here