Dopo l’attacco a Dropbox, che ha riportato in prima linea il tema della sicurezza delle applicazioni e della privacy dei loro utenti, anche Spotify sta resettando le password. Ma state pur tranquilli: questa volta non c’è stato alcun attacco hacker che ha colpito la piattaforma di musica in streaming. Quella di Spotify è una mossa di pura prevenzione, allo scopo di evitare che succedano cose come quelle avvenute a LinkedIn, a Dropbox et similia.

I responsabili di Spotify in queste ore stanno invitando gli utenti a cambiare le loro password. Perché? Perché la maggior parte degli utenti tende ad utilizzare una medesima password per tutte le applicazioni ed i servizi online, mail, social network e così via. Questo per pigrizia, per paura di dimenticarsele ecc. Ma quello che Spotify ricorda ai propri utenti è che è bene diversificare le password nei vari siti che si visitano.

Infatti se un hacker dovesse rinvenire una singola password sarebbe in grado di entrare, nella maggior parte dei casi, in tutti gli account dell’utente e questo sarebbe un gran problema. Proprio per questo motivo Spotify, per garantire la sicurezza di coloro che usufruiscono del servizio, in queste ore sta resettando tutte le password che considera non sicure e manda messaggi ai proprietari chiedendo loro di impostarne una nuova e possibilmente più complessa e difficile da indovinare.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here