E’ polemica sulla decisione di Mark Zuckerberg, co-fondatore di Facebook, di donare 500mila euro alla Croce Rossa in pubblicità su Facebook. Il fondatore del social blu si è presentato ieri all’università Luiss, di fronte agli studenti, per parlare del sisma. “Organizzazioni come la Croce Rossa stanno aiutando a coordinare i soccorsi”.

Facebook Italia donerà 500mila euro sotto forma di AD credits alla Croce Rossa che potranno essere utilizzate sulla piattaforma Facebook per promuovere le attività di cui c’è maggiore bisogno: raccolta fondi, ricerca di volontari, richiesta di donazione di sangue, mettersi in contatto con le persone che hanno bisogno di un posto in cui stare” ha detto Zuckerberg. Ma l’iniziativa non è piaciuta a tutti: perché sostanzialmente, anziché donare 500mila euro in denaro alla Croce Rossa per aiutare i terremotati, l’uomo ha donato solamente dei soldi da utilizzare come pubblicità sul social network più famoso del mondo.

E per molti questo non è certo il modo immediato per permettere alla Croce Rossa di prendersi cura di chi, oggi, non ha più una casa e degli averi.
Zuckerberg ha anche annunciato la sua volontà di migliorare il safety check, impostazione del social che si attiva in caso di situazioni di pericolo e di calamità.

LEAVE A REPLY