Uno degli aspetti più rivoluzionari di Pokemon GO era il fatto che il gioco fosse disponibile praticamente ovunque. I Pokemon possono essere trovati in ogni luogo del mondo perché sono equamente distribuiti sulla superficie terrestre. Ma questo aveva fatto sorgere anche diversi dubbi. Finora si era tentato di affidarsi al buon senso degli utenti, di restare fuori dai luoghi sacri, sensibili o particolarmente importanti mentre si gioca.

Ma adesso si fa un passo in più: i creatori di Pokemon Go hanno sostenuto che cercheranno di modificare il gioco in modo che le aree sensibili e luoghi che non vogliono partecipare al gioco ne rimangano fuori. “Stiamo lavorando per fare in modo che i giocatori possano giocare in modo sicuro e rispettoso dei luoghi in cui giocano” ha sostenuto il direttore di marketing di Pokemon, J. C. Smith. Luoghi come il Parco della Memoria ad Hiroshima, o il Museo dell’Olocausto negli Stati Uniti d’America (e sono solo pochi esempi) staranno fuori dal gioco.

Ma il secondo problema sollevato da Pokemon GO è quello della sicurezza: alcuni utenti nel mondo si sono messi nei guai cercando Pokemon nel bel mezzo della notte o in luoghi pericolosi. Ma sotto questo punto di vista ci si affida ancora al buonsenso delle persone.

LEAVE A REPLY