Si chiama textanalyser il nuovo apparecchio inventato negli Stati Uniti e che dovrebbe essere dedicato a dissuadere gli automobilisti dall’uso del cellulare, nello specifico lo Smartphone, alla guida. La truppa di automobilisti che usano lo Smartphone mentre guidano è incredibilmente folta. Negli Stati Uniti, forse si raggiunge il record ma il fenomeno è terribilmente diffuso in tutti i Paesi.

A New York, la polizia attende soltanto il nulla osta della legge per essere dotata di un nuovo apparecchio chiamato Textanalyser che è in grado di indicare subito all’agente accertatore, l’uso dello Smartphone da parte dell’automobilista. Dunque, non più cellulari buttati estemporaneamente sul sedile quando si incrocia un controllo di Polizia. Ora con tale apparecchio, il poliziotto saprà immediatamente se alcuni istanti prima eravamo in conversazione, messaggio o comunque in condizione di uso dello Smartphone.

La Privacy viene salvata grazie al fatto che l’apparecchio non è in grado di mostrare i contenuti ma solo di indicare con certezza l’utilizzo. Ma l’uso di questo apparecchio non avrà solo una valenza punitiva nei confronti dell’automobilista: immaginiamo il caso di un incidente. Se qualcuno contesta l’uso dello Smarphone, l’apparecchio potrà dire subito se stavamo usando il telefono oppure no, e questo è utile anche ai fini risarcitivi dall’assicurazione. I dati italiani sono evidenti: l’uso del cellulare al volante è una pratica estremamente diffusa, più al nord che altrove.

Al sud nel 28,5%degli automobilisti ammette l’uso alla guida, contro il 29,3% del centro Italia e il 42% del nord. Uno studio, peraltro semplicissimo, ci dice che scrivere un sms impegna in media una distrazione dalla guida di 10secondi che si traducono in un percorso di 300 metri; analogamente un selfie distoglie l’attenzione dalla strada per ben 400 metri. E’ evidente che distrarsi dalla guida per così tanto spazio, espone a enormi rischi e la prova è che l’uso dello Smartphone alla guida rappresenta la prima causa di sinistro in Italia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.