google driveSe si utilizza Google Drive per il salvataggio on the cloud dei propri files personali, è probabile che si abbia installato il client desktop e mobile per avere a disposizione anche la sincronia dei files in tempo reale. Sebbene il backup di tali files avvenga in maniera automatica sui servers Google, si potrebbe desiderare di averne a disposizione una copia anche in locale, per maggiore sicurezza; inoltre, nel caso in cui per qualche ragione si reinstalla Google Drive, non è necessario scaricare nuovamente tutti i files sul proprio pc. Vediamo come salvare una copia di backup dei files in locale,  e ripristinare poi i files evitando che l’applicazione li scarichi dal server remoto sul pc, o sul dispositivo in uso.

  • Individuare ed aprire la cartella locale di Google Drive: C:\Users\username\Google Drive;
  • Effettuare il backup di tutto il suo contenuto in un’altra posizione o su un altro supporto di memoria;
  • E’ inoltre necessario associare ai files il backup delle informazioni del database, che si trova in C:\Users\username\AppData\Local\Google\Drive

Ripristinare i files Google drive.

Se si desidera ripristinare i files ed evitare di scaricarli nuovamente da capo, è sufficiente spostare il backup effettuato principalmente nella cartella di Google Drive originale. Questo metodo funziona solo se Google Drive non è ancora installato, altrimenti gli elementi vengono sincronizzati automaticamente da zero.

E’ anche necessario ripristinare il database, copiandone il salvataggio precedente nella cartella C:\Users\username\AppData\Local\Google\Drive 

Una volta completati tutti i ripristini, si può passare ad installare Google Drive sul sistema, scegliendo l’opzione “Avanzata” per specificare le cartelle utilizzate nei passaggi precedenti per salvare files e database.

LEAVE A REPLY