Se n’è parlato tanto, tanto, tanto. Ed altrettanto ci si attendeva. Ora è tra noi. Siamo soddisfatti? La risposta è… assolutamente sì! Ero scettico riguardo il fantomatico Tablet di Apple, temevo un prodotto dal quale ci si attendeva troppo e che alla fine avrebbe deluso tutti. Ma ammetto che Apple mi ha veramente stupito con questo iPad: è addirittura più di quanto le più ottimistiche previsioni potessero annunciarci. Vediamo perchè io, come altri, ne sono così entusiasta, nonostante ancora non abbia avuto ancora la possibilità di usarlo.

L’iPad non è un telefono. L’iPad non è solo tablet. L’iPad non è (solo) una consolle di giochi. L’iPad non è (solo) un computer. L’iPad è, definitivamente, un nuovo modo di fare computer. Non so dire se Apple abbia creato il computer del futuro, ma so con certezza che questo prodotto rivoluziona l’idea tradizionale di personal computer da intrattenimento.

Quel che intendo dire è che, forse, non potremo usare un iPad a livello puramente professionale, ma è studiato per navigare su Internet o creare documenti o leggere libri o giocare o qualsiasi altra cosa che diventa un’esperienza nuova che possiamo fare seduti sul divano, sulla metropolitana, in viaggio, ovunque.

L’iPad unisce ciò che più abbiamo apprezzato di iMac e di iPhone in un unico prodotto. L’iMac ha portato il concetto di lavoro col computer a livelli di eccellenza. L’iPhone ha fatto capire che il telefono in sè non esiste più: un piccolo e comodo oggetto da avere sempre in tasca può avere una versatilità incredibile e fare, veramente, tutto ciò che si vuole. L’iPad permette di fare tutto ciò che vogliamo: le applicazioni sono le stesse di iPhone, ma a livello più elevato, più professionale.

Parliamo ora di hardware, software e specifiche. L’iPad è sottilissimo ma molto robusto. E’ incastonato nel prezioso alluminio dei MacBook Pro e sul frontale possiede un ampio e luminosissimo schermo multi-touch IPS da 9.7″ capace di una qualità pazzesca. E’ dotato di un processore sviluppato da Apple e di memorie da 16, 32 e 64GB. La batteria, finalmente è degna: 10h in attività e 1 mese in stand-by. Il funzionamento e la configurazione del prodotto avviene tramite iTunes, come per iPhone o iPod. Possiede modulo 3G, GPS, accelerometro, bussola, bluetooth, porte USB e per collegamenti video. Non ha fotocamere e non può telefonare, ma non è nato per questo: possiede 3 stores: iTunes Store, App Store ed il nuovo iBook Store. Il che significa che potete scaricare musica, applicazioni e libri elettronici.

Insomma, solo poter usare l’App Store lascia immaginare quali siano le potenzialità di questo prodotto, che potremo usare come un computer, per produrre documenti (con iWork a 30$) o per navigare in Internet, come un netbook, perchè è piccolo e comodo, come una console portatile di videogiochi, perchè ha AppStore, un processore studiato anche per questo ed uno schermo ideale, come TV, perchè permette di vedere film da iTunes Store, come ebook reader, grazie all’iBook Store. E le funzionalità sono potenzialmente illimitate grazie alla fantasia degli sviluppatori di Apps.

Infine, il prezzo: 499$ per la versione da 16GB, 599$ per quella da 32GB e 699$ per quella da 64GB, in attesa dei prezzi per il mercato europeo. Commercializzazione a brevissimo, anche in Europa.

Infine, il video ufficiale di Apple.

Ora, voi cosa ne pensate?

8 COMMENTS

  1. Secondo me ha sbagliato il momento, prenderà una cantonata come lo fu per il cube e l’iMac mini. Chi ha mille dollari da spendere per un gadget ?

  2. ..ha tutto quello ke puo servire memoria fantastica accellerometro di 8 volte di potenza di quello dell iphone tutto il pacchetto iwork collegamento wifi email bluetoot(il tutto tra le tue mani) e il tutto a 500$(sl wifi xò)..certo x ki fa programmazione nn è il massimo ma è proprio un ottimo investimento sia ke tu sia un giovane sia ke tu lo usi x lavoro..all uscita staremo col fiato sospeso

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.