ubuntu-aqua-dreams-400x300

Siamo ormai arrivati alla Alpha 2 della nuova versione attesa. Ubuntu 9.10 Karmik Koala uscirà ufficialmente ad Ottobre, ma le aspettative non saranno del tutto soddisfatte. Si è parlato, anche in articoli passati, di decine di novità attese per ottobre, una in particolare, il radicale cambio di look di Gnome utilizzato in Ubuntu.

Secondo notizie rilasciate dallo stesso Mark Shuttleworth, patrono di Canonical, durante un’intervista all’ Ubuntu Open Week, Karmik Koala disporrà solamente della classica Human Skin aggiornata in piccole parti, senza stravolgimenti di alcun tipo, si parla di un notevole cambiamento soltanto nella versione 10.04, che verrà rilasciata ad aprile del 2010.

Questo ritardo, ha molteplici ragioni, a cui Shuttleworth accenna in maniera più o meno diretta. Il Desktop Experience Team, il gruppo di incaricati allo sviluppo di interfacce utente ed usabilità messo in piedi dalla Canonical circa sei mesi fa, risulta ancora incompleto e non lavora quindi a pieno regime. Sembra chiaro poi che la priorità di Ubuntu sia il miglioramento dell’esperienza utente nel complesso, prima che la grafica nello specifico. È quanto dichiarato da Shuttleworth in diverse occasioni, e quanto si vede dal lavoro effettivo sull’installer e sulle nuove notifiche di Ubuntu 9.04, chiaramente improntato a l’usabilità generale del sistema.

Un’altra considerazione, comunque può essere fatta in particolare a tutto quell’campo di progetti e soluzioni tecniche a cui Canonical attinge per comporre la distribuzione, a partire da Gnome e dalle GTK+: è probabile che ci sia necessità di aspettare l’evoluzione di questi progetti per realizzare un ambiente grafico che consenta ad Ubuntu un vero e proprio balzo di qualità. Al di là di questo, alcune spiegazioni potranno arrivarci sicuramente dall’Ubuntu Developer Summit, il 25 di maggio, dove potremo constatare cosa di nuovo effettivamente vedremo in Ubuntu 9.10 e quanto invece non vedremo.

Fino ad allora, possiamo servirci di qualche tema reperibile on-line per cambiare lo stile nostro Ubuntu.

LEAVE A REPLY