wubi_ubuntu

L’installazione di due sistemi operativi, come installare Ubuntu in un computer nato per girare in windows, potrebbe rivelarsi un’operazione complessa da fare, non alla portat di tutti. L’alternativa è rappresentata da tutti quei software, chiamati virtualizzatori, che consentono di ricreare le condizioni di un sistema operativo su di un altro, ma soprattutto che consentono di farlo senza sconvolgere l’equilibrio del PC.

Wubi, che sta per la sigla di Windows UBuntu Installer, è un software che permette di ricreare il sistema operativo di Linux, con l’installaziane di Ubuntu in ambiente Windows, semplicemente compilando un form nel quale indicare il disco di destinazione e spazio consentito, scelta della lingua, nome utente e password. Wubi provvederà a creare, nel drive selezionato, una cartella denominata wubi, all’interno della quale verranno inseriti i file rappresentanti gli hard disk virtuali del “nuovo” sistema operativo inserito, sui quali verrà installato l’ OS Linux. Terminata la compilazione del form è necessario cliccare su Install per avviare l’installazione e attendere qualche secondo per vedere immediatamente i risultati ottenuti.

 Una volta partita la procedura di installazione, il programma provvvederà a scaricare l’immagine ISO (ovvero in formato ISO) della versione Linux da noi scelta per ircreare le condizioni di UBUNTU. Coloro i quali non avessero a disposizione un collegamento ADSL potranno inserire manualmente l’immagine all’interno della cartella wubi, operazione molto facile e veloce che può fare chiunque. Il programma provvederà a modificare il file “boot.ini” di Windows, che riconosce il sisitema operativo di windows che possedete in quel momento, in maniera tale da consentire, sin dal primo avvio di sistema, di poter scegliere, grazie ad un pratico “bootloader”, quale sistema operativo scegliere per essere avviato.

A questo punto non vi rimane che godervi il magico Ubuntu che aveteappena istallato, il tutto come se fosse un piccoloprogramma o un “tema”, e quella che inizialmente poteva sembrare un’ operazione difficilissima e solo alla portata di pochi, sarà ora facile da realizzare anche per i meno esperti, che pur possedendo un sistema oerativo widows potranno godersi l’OS di Linux.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here